Gnocchi pistacchi e gorgonzola

Gli gnocchi pistacchi e gorgonzola sono nati da una sfida.  Li abbiamo mangiati insieme, io e la mia diffidente amica e compagna di bagordi Eleonora, in una trattoria di cui non ricordiamo il nome né l’aspetto, durante un viaggio in Sicilia. Non ricordiamo la trattoria, ma gli gnocchi pistacchi e gorgonzola, quelli si. Abbiamo fattoContinua a leggere “Gnocchi pistacchi e gorgonzola”

Tortelloni radicchio, pecorino e schizzi di masterchef

Tortelloni radicchio e pecorino: una di quelle ricette che nascono dai resti, perché gettare via il cibo è una di quelle cose che proprio non mi vanno giù. Nel mio caso avevo comprato del radicchio per fare i tortelloni ripieni. Avevo ospiti a cena, tra cui una vegetariana, così ho deciso che tutta la cenaContinua a leggere “Tortelloni radicchio, pecorino e schizzi di masterchef”

Nido di pappardelle al ragù di capriolo, miele e tartufo

Un nido di pappardelle accoglie gustosamente un ragù di capriolo, insolito e aromatico, con miele di flora alpina e tartufo. E proprio di pappardelle si parla oggi sul Calendario del Cibo Italiano, nella giornata che a loro è stata doverosamente dedicata. Nido di pappardelle al ragù di capriolo, miele di flora alpina e tartufo    Continua a leggere “Nido di pappardelle al ragù di capriolo, miele e tartufo”

Tagliorini alla bottarga con crema di asparagi alla colatura di alici

I tagliorini, una via di mezzo tra le tagliatelle e i tagliolini, li faccio sempre a mano. Ho una particolare passione per la pasta fresca fatta in casa, e mi piace aromatizzarla in tanti modi diversi. Oggi il Calendario del Cibo Italiano dedica la giornata alla colatura di alici e io ho deciso di utilizzarlaContinua a leggere “Tagliorini alla bottarga con crema di asparagi alla colatura di alici”

Tapparelle lucane con patate e pancetta

Le tapparelle per me finora erano le avvolgibili. Si, insomma, per oscurare i vetri, ci siamo capiti. E’ stata una bella sorpresa scoprire che si tratta anche di un formato di pasta originario della vicina Basilicata. Oggi il Calendario del Cibo Italiano dedica la giornata alla pasta, in occasione della corrispondente giornata mondiale, così siamoContinua a leggere “Tapparelle lucane con patate e pancetta”

I miei spaghetti al nero di seppia per il Club del 27

I miei spaghetti sono neri e un po’ inquietanti. I miei spaghetti sono squisiti e finiscono subito. I miei spaghetti non sono miei, ma di Tritabiscotti, che ringrazio per la ricetta. E non li avevo mai preparati.   Ci voleva il Club del 27 ed il Tema del Mese collegato alla sfida n. 67 dell’MTChallenge (cliccateContinua a leggere “I miei spaghetti al nero di seppia per il Club del 27”

Una chitarra cento illusioni e un MTChallenge

“Una chitarra cento illusioni“, cantava Mino Reitano, lo ricordate? Ero molto piccola e non era il genere di musica che seguivo, ma era calabrese e questo bastava a rendermelo simpatico. Quando mi hanno regalato la chitarra per gli spaghetti mi sono effettivamente illusa di utilizzarla in almeno cento modi. In realtà, dopo il primo esperimento,Continua a leggere “Una chitarra cento illusioni e un MTChallenge”

Malloreddus alla campidanese

Malloreddus: sembra che voglia dire “vitellini”. Forse perché sono piccoli e cicciotti. Presenti in tutte le ricorrenze importanti sarde, dal battesimo al matrimonio, ogni zona della Sardegna ha la sua versione.  Oggi se ne parla sul Calendario del Cibo Italiano, nella giornata dedicata a questo formato di pasta semplice e rustico, composto semplicemente da semolaContinua a leggere “Malloreddus alla campidanese”

La sulla, erba spontanea bella e buona.

La sulla è un’erba spontanea di recente scoperta. Molto comune nel bacino mediterraneo, in quanto amante dei climi caldi, se ne hanno notizie solo a partire dal ‘700. Inizialmente utilizzata solo come foraggio per le sue qualità astringenti e disinfettanti dell’apparato gastrointestinale, è nota soprattutto per il miele che deriva dai suoi dolcissimi fiori, moltoContinua a leggere “La sulla, erba spontanea bella e buona.”

Spatzli al tartufo con funghi trifolati al burro

Spatzli, o  spätzle, è un termine del dialetto svevo che significa “passerotti“. Questi gnocchetti di uova e farina sono originari della Germania e della Svizzera, ma da tempo sono entrati a far parte della tradizione gastronomica del Trentino Alto Adige. La caratteristica degli spatzli sta nella preparazione: tagliati abilmente a mano, spremuti da uno schiacciapatate aContinua a leggere “Spatzli al tartufo con funghi trifolati al burro”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora