Fennel and orange marinated olives per il Club del 27

Fennel, finocchio and orange, arancia. Non è un accostamento bizzarro, la fresca insalata di finocchi e agrumi è nota e sempre molto gradita. L’aggiunta delle olive, devo dire, ci sta benissimo. Solo che questa insalata è insaporita da altri aromi e da una cottura particolare e il tutto finisce in deliziosi vasetti da regalare per Natale.Continua a leggere “Fennel and orange marinated olives per il Club del 27”

Il mio Mint Jelly per il Club del 27

Il mio mint jelly in realtà non è mio, ma tratto dal libro “Preserving” che ci è stato segnalato dal nostro amato “Club del 27“. Vi trascrivo esattamente ciò che è riportato nel libro, consigliandovi di non modificare nemmeno una virgola, perché è perfetto così com’è. “Questa è una gelatina fresca e piccante che accompagnaContinua a leggere “Il mio Mint Jelly per il Club del 27”

Mini pudding al limone e ribes nero per il Club del 27

Questi mini pudding, budini, muffin, dolcetti, (chiamateli un po’ come volete, qui non siamo fiscali) li ho scelti tra tante altre bellissime ricette proposte per l’ormai arcinoto “Club del 27″. Quest’anno il Club ha cambiato impostazione: parliamo di libri, e che libri! Iniziamo subito alla grande. MINI PUDDING AL LIMONE E RIBES NERO da  “A PotContinua a leggere “Mini pudding al limone e ribes nero per il Club del 27”

Olive ammaccate alla calabrese

Le olive ammaccate sono onnipresenti negli antipasti calabresi. Si preparano in autunno e si conservano per tutto l’anno. Si mettono sulla pizza, si uniscono alla pasta, si infilano in un panino o una pizza rustica, si tritano per ottenere un paté senza eguali. Insomma: mai più senza. E se non avete le olive calabresi? Non saràContinua a leggere “Olive ammaccate alla calabrese”

Pesto calabrese rosso. Ma anche no.

Perché si chiami pesto calabrese, visto che non si pesta nulla, francamente non so. Al più, si trita, o si frulla. Ma dal momento che il Calendario del Cibo Italiano dedica una giornata alle cosiddette “salse pestate“, parliamo pure del pesto calabrese. Meglio ancora, gustiamolo. Il pesto calabrese è tendenzialmente rosso, anzi, rosato per viaContinua a leggere “Pesto calabrese rosso. Ma anche no.”

La frolla fa-bu-zu e il pompelmo rosa

La frolla fa-bu-zu è una delle pochissime ricette che ricordo a memoria. Sarà il motivo per cui, nonostante ne abbia provate ennemila, finisco per rifare sempre questa (sono pigra, confesso). L’altro motivo è che mi piace: non troppo dolce, friabile, adatta a crostate e tartellette. Era sul libricino delle ricette trascritte da mia madre (cheContinua a leggere “La frolla fa-bu-zu e il pompelmo rosa”

Uva sciroppata alla grappa

Uva. 6.154 varietà al mondo, 453 in Italia, che è al terzo posto (dati O.I.V.) Io ne conoscerò una decina, a voler essere ottimisti. Bianca, nera, rossa, con chicchi lunghi e sodi oppure piccoli e tondi, dolci come quelli dell’uva fragola. Quando ero piccina e trascorrevo le vacanze dalla nonna Neta, in Piemonte, ricordo cheContinua a leggere “Uva sciroppata alla grappa”

Ficotto, il miele di fichi calabrese

Il ficotto è un prodotto immancabile nelle dispense calabresi. Si usa come ingrediente in molti dolci (come i mostaccioli), oppure per “ammelarne” altri (turdilli e pitte ‘mpigliate), o ancora per l’immancabile scirubbedda con la prima neve. Più recentemente è entrato nell’uso comune in accompagnamento a carni e formaggi.  Ma cos’è esattamente? Ne parliamo nella giornataContinua a leggere “Ficotto, il miele di fichi calabrese”

E venne il giorno della passata di pomodoro

E venne il giorno della passata di pomodoro e fu festeggiato dal Calendario del Cibo Italiano. Ma siamo sicuri sicuri che sia davvero una festa? Festa vuol dire divertimento, allegria, magari anche riposo. Eppure, in agosto, proprio nel pieno delle sospirate vacanze, quando ci si vorrebbe dedicare esclusivamente al dolce far niente, un bel giornoContinua a leggere “E venne il giorno della passata di pomodoro”

Confettura di sambuco alla grappa

La confettura di sambuco non è gradita a tutti, per il suo gusto lievemente acidulo. A me piace molto perché non sono un’amante del dolce; per renderla piacevole anche ai miei ospiti, l’ho ingentilita con un tocco di vaniglia e ne ho esaltato il sapore con l’aggiunta finale della grappa. Il risultato è stato davveroContinua a leggere “Confettura di sambuco alla grappa”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora