Patate calabresi ripiene di nduja

Le patate calabresi, quelle silane per la precisione, hanno la caratteristica di essere particolarmente resistenti, sode, compatte, grazie agli sbalzi di temperatura a cui sono soggette nelle ampie coltivazioni sul meraviglioso altopiano calabrese. Sono quindi adattissime ad ogni tipo di cottura, ed in questa variante ripiena, realizzata per il Calendario del Cibo Italiano, regalano ilContinua a leggere “Patate calabresi ripiene di nduja”

Merendelle, le pesche calabresi che sembrano mele

“Merendelle“, un nome che fa immediatamente pensare a qualcosa di dolce, morbido, da merenda per l’appunto. In realtà queste pesche quasi del tutto sconosciute non sono poi così dolci, e nemmeno morbide. Al contrario, sono piuttosto aspre e somigliano a meline selvatiche. Ed è proprio dall’incrocio tra pesche e mele che deriva questo frutto sorprendente,Continua a leggere “Merendelle, le pesche calabresi che sembrano mele”

Cannolo di pasta fritta alla Norma… fuori norma

Sul Calendario del Cibo Italiano oggi è la giornata della pasta alla Norma. Nell’articolo sul sito trovate la storia del piatto, la sua preparazione tradizionale ed anche quella, un po’ trasgressiva ed eretica, ideata da noi: un cannolo di pasta fritta alla Norma. Non ce ne vogliano i puristi: la ricetta originale è tutt’altra cosaContinua a leggere “Cannolo di pasta fritta alla Norma… fuori norma”

Rigatoni ai quattro pomodori

Rigatoni, tortiglioni, penne. Diciamo che va bene un po’ di tutto per questa ricetta. Quello che conta è il sugo. Oggi il Calendario del Cibo Italiano celebra la giornata della pasta al pomodoro, uno dei piatti più diffusi e apprezzati del panorama gastronomico italiano. Ricetta apprezzabile a tutte le ore, (vedi spaghettata di mezzanotte) eContinua a leggere “Rigatoni ai quattro pomodori”

Gnocco fritto con esubero di lievito madre

IL gnocco fritto in Emilia si sa, è un’istituzione e guai a modificarlo. Allora, magari, cambiamogli nome: chiamiamolo rettangolo gonfiato o nastrino in olio: sempre buono è. Oggi lo facciamo con l’esubero di lievito madre. Però, prima, chiariamo cosa si intende per esubero. Vi faccio il mio esempio: io tengo in frigo 100 g diContinua a leggere “Gnocco fritto con esubero di lievito madre”

Meringhe in essiccatore, la svolta epocale

Le meringhe, diciamocelo, sono un gran rottura di scatole. Tempi lunghi di cottura, attenzione alle temperature, controllare ogni tot, il mestolo per tenere aperto il forno che consuma un fottigliardo al minuto. Se le cuoci troppo poco, perché hai sonno e vuoi andare a dormire dopo dodici ore di controllo, ti ritrovi una poltiglia appiccicosaContinua a leggere “Meringhe in essiccatore, la svolta epocale”

Cardi gratinati di Petronilla

Questi cardi gratinati sono stati preparati per la giornata del Calendario del cibo italiano dedicata alle intramontabili ricette di Petronilla. Il procedimento è tratto da “I gustosi, svelti, economici desinaretti di Petronilla“, uno dei bellissimi libri di ricette scritte da Amalia Moretti Foggia (questo il suo vero nome) che agli inizi del ‘900 insegnava alleContinua a leggere “Cardi gratinati di Petronilla”

Pesce con salsa maionese

Il titolo di questa ricetta “pesce con salsa maionese” non è tra i più coinvolgenti e intriganti, ne convengo. Sa di qualcosa di molto semplice, di poco elaborato, di casalingo e casareccio. E in effetti è proprio così. La ricetta è stata tratta dal libro “I gustosi, svelti, economici desinaretti di Petronilla“, di Amalia FoggiaContinua a leggere “Pesce con salsa maionese”

Pomodorini di Pachino sfiziosi – ricetta di Totò

Pomodorini semplicissimi, freschi e molto italiani. Anzi, di chiara derivazione napoletana. Sul Calendario del cibo italiano oggi è la giornata dedicata a Totò. So che mi attirerò lampi e fulmini, ma ammetto di non essere mai stata una sua fan, non sono riuscita ad apprezzare il suo umorismo, la sua ironia, la sua verve. AlContinua a leggere “Pomodorini di Pachino sfiziosi – ricetta di Totò”

Pignolata calabrese al miele e canditi

La pignolata è un allegro e coloratissimo piatto tipico del Carnevale. Una delle ricette “antiche” che mi ritrovo è, come la maggior parte delle ricette della tradizione, molto approssimativa, ma a suo modo plausibile: si utilizza il guscio dell’uovo come misurino per i liquidi. Molto simile alla cicerchiata natalizia, prevede l’utilizzo del miele, ingrediente moltoContinua a leggere “Pignolata calabrese al miele e canditi”

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora